Divieti e burkini

di Cecilia D’Elia

burkiniBarriere invece che ponti. Divieti al posto del dialogo. La polemica estiva sul burkini, i divieti decisi da alcune municipalità francesi e la presa di posizione di Manuel Valls sulla sua incompatibilità con i “nostri valori”, danno voce al riflesso autoritario dell’occidente impaurito. Semplificano le differenze che animano il nostro spazio pubblico e, ancora una volta, fanno del corpo delle donne il terreno di un improbabile scontro di civiltà. Meglio di me Renata Pepicelli ha spiegato la differenza tra burkini e burqa e perché è un errore vietare questo indumento, pensato per permettere alle donne musulmane velate di farsi il bagno senza scoprire il proprio corpo.

Non so dire se indossarlo sia sempre frutto di scelta autodeterminata, credo sia corretto riconoscere alle donne che lo sostengono l’autenticità della loro convinzione e rispettare i modi in cui la libertà femminile decide di declinarsi. Le appartenenze culturali e religiose sono importanti e potenti; molteplici possono essere le strade dell’autodeterminazione.

Penso altresì che anche quando così non fosse, e dietro il burkini si nascondesse l’adesione forzata ad un codice patriarcale, il divieto sarebbe solo un’altra modalità autoritaria di imporre regole. Una forzatura che molto probabilmente provocherebbe solo chiusure identitarie. Molteplici sono le strade dell’autodeterminazione, sicuramente inefficaci le scorciatoie imposte dall’alto.

Annunci

3 pensieri su “Divieti e burkini

  1. L’idea di fondo può apparire sostanzialmente debole. Sostengo il fatto che gli uomini non debbano interferire sulla figura femminile, ma dobbiamo pensare che nella maggior parte dei casi il burqa non è una scelta. A parità di obbligo, non sarebbe meglio optare per l’obbligo che rende la donna più libera? Mi viene da pensare a quante donne hanno combattuto per potersi togliere un velo, uno scialle o una gonna.

    Mi piace

    • Il fatto è che un obbligo non è mai libero. Per questo secondo me rischia di essere controproducente anche quando il burkini (che non è il burqa) non è una scelta

      Mi piace

  2. Pingback: Divieti e burkini - Cecilia D'EliaCecilia D'Elia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...