Hillary ha fatto la storia, ma potrebbe non bastare

hillarydi Francesca Caferri

Il soffitto di cristallo è davvero crollato? A giudicare dai titoli trionfalistici dei giornali e delle televisioni di mezzo mondo parrebbe di sì: una donna candidata alla posizione politica più importante del mondo non è solo una crepa nel soffitto più famoso del mondo. E’ un colpo mortale. “La donna giusta al momento giusto”, ha detto Erica Jong. “Stiamo facendo la Storia”, ha commentato Anne Marie Slaughter, la donna che ha riacceso il dibattito sul binomio famiglia/carriera con un articolo sull’Atlantic quattro anni fa. Ma queste sono voci istituzionali: vicine alla Clinton e al mondo di Washington.

C’è un’America, quella più di sinistra, quella più femminista, quella più liberal, il cui disagio è palpabile: e non soltanto perché Sanders rappresentava per questa fetta di elettorato un’alternativa credibile. Continua a leggere