L’estate del nostro scontento

di Chiara Anselmi, Cecilia D’Elia e Giorgia Serughettiindex

Il clima politico di questa estate 2019 è quello di un’infinita campagna elettorale, sotto la minaccia di una crisi politica continuamente dietro l’angolo e perennemente rimandata. Ogni cosa è esagerata, brandita come un simbolo, agitata per colpire l’avversario o rivendicare meriti. Tutto è sopra le righe, dimensioni e numeri dei fatti reali vengono distorti in un gioco di specchi deformanti per ideologia o ipocrisia.

Il clima meteorologico è invece realmente sopra le righe, si divide tra caldo afoso e super grandinate, i più anziani rimpiangono l’anticiclone delle Azzorre, ma solo i più giovani, con Greta Thunberg, sembrano prendere sul serio i cambiamenti in corso. La ragazza continua determinata la sua battaglia per salvare il pianeta, incurante delle ingiurie sui social e sulla stampa di destra. Continua a leggere

Razzismo e sessismo: dov’è il limite del consentito?

di Giorgia Serughetti

Nel 1974, con la performance intitolata Rhythm 0, Marina Abramovic dispose su un tavolo una molteplicità di oggetti diversi: piume, fiori, frutti, ma anche fruste, corde, lamette, armi. Si presentò poi al pubblico immobile, come un oggetto, a cui i presenti erano autorizzati a fare qualsiasi cosa sotto la responsabilità dell’artista stessa. Così rimase per sei ore. Inizialmente gli uomini e le donne in sala si limitarono ad accarezzare il suo corpo, a baciarla, a sfiorarla con una piuma o a metterle fiori tra le dita. Con lo scorrere dei minuti, però, i comportamenti si fecero mano mano più brutali: i vestiti strappati, tagli nella carne, un coltello tra le gambe, una pistola carica posizionata tra le mani e puntata contro il suo corpo. Quando la galleria dichiarò conclusa la performance, il pubblico si allontanò velocemente. Nessuno, ricorda l’artista, osò guardarla come una persona dopo ciò che era accaduto. Continua a leggere

Di fronte al naufragio, ripensare i confini (dell’Io e del Noi)

3ottobredi Giorgia Serughetti

Potrebbe essere la più grande tragedia di sempre nel Mediterraneo quella della notte scorsa. Non era inevitabile, non lo è stata nessuna delle quasi 25mila morti avvenute dal 2000 ad oggi lungo questa rotta migratoria. C’è una responsabilità politica dietro ognuna di queste stragi, e le soluzioni politiche che occorrono sono molto chiare. Basta leggere gli appelli di questi giorni delle organizzazioni umanitarie e della società civile, per esempio qui, qui o qui.

Ma è di tutte e tutti noi il dovere di riflettere su quale modello di civiltà, di convivenza, vogliamo sostenere, e più in profondità su quale visione della condizione umana vogliamo porre al centro dell’azione politica. Avevo scritto le parole che riporto qui sotto all’indomani del naufragio del 3 ottobre 2013, quando persero la vita in mare oltre 360 migranti. Nell’incidente avvenuto sabato notte si temono 900 morti. I problemi che ponevo allora credo che siano più vivi che mai. Continua a leggere