Sembra un fake ma non è: il Fertility Day in salsa razzista

di Giorgia Serughetti

Sembra un esercizio di provocazione, eppure probabilmente non lo è. Sembrava un fake eppure è tutto vero. Dopo il ritiro della sconcertante campagna sul Fertility Day, è entrata in circolazione una nuova immagine, la copertina di un vademecum sugli “Stili di vita corretti. Per la prevenzione della sterilità e dell’infertilità”, sommario: “Le buone abitudini da promuovere, i cattivi ‘compagni’ da abbandonare”. L’immagine è questa, e parla da sola.

nuovologo2

Ma aggiungiamo la didascalia: le buone abitudini, per il Ministero della Salute, sono bianche, etero, circonfuse di luminosa purezza; i cattivi compagni (veicoli di droghe, alcol e altri vizi, ovvero i pericoli per la fertilità) sono loschi, hanno la pelle nera, i capelli lunghi e afro.

Può darsi che la ministra Lorenzin sopravviva anche a questo “incidente”. Come ha giustamente notato Eva Cantarella, in un’intervista a Left, in merito al Fertility Day, “Beatrice Lorenzin ha potuto dire cose altamente offensive, considerando le donne come fattrici, per altro senza neanche considerare che ci possono essere impedimenti concreti, come è stato notato. Ma ciò che mi sembra davvero grave è che nella sua concezione la donna che non ha figli, non esiste, non conta. Come donna sei lì solo per procreare. In un Paese civile si sarebbe dovuta dimettere”.

Ma solo in un paese con una sensibilità pubblica ancora del tutto primordiale rispetto ai diritti e alle discriminazioni un’immagine come questa sugli “Stili di vita corretti” può essere messa in circolazione senza che il suo sostrato razzista (e classista) faccia scattare un campanello di allarme. Senza che nessuno, nella macchina ministeriale, pensi a fare filtro, e a imporre uno stop. Continua a leggere

#FertilityDay: non solo sbagliato, ma controproducente

Cartolina-10di Giorgia Serughetti

A livello mondiale si moltiplicano gli allarmi per la crescita sostenuta della popolazione, in un contesto in cui il pianeta, anche a causa del cambiamento climatico, va esaurendo le risorse naturali. In Italia invece da anni l’allarme è per la vertiginosa diminuzione delle nascite, che con un andamento stabilmente decrescente ha portato nel 2014 al minimo di 1,29 figli per donna, fatti in età sempre più tarda. Si può discutere se la tendenza italiana sia necessariamente da invertire, in un’ottica non ristretta al nostro paese ma aperta alle dinamiche di movimenti globali delle popolazioni che sono sotto gli occhi di tutti. Al tempo stesso, certo, trovo anche sacrosanto portare avanti una riflessione che identifichi i fattori critici che spingono alla bassa natalità, e provi a porvi rimedio, specialmente quando diventa chiaro che dietro i dati ci sono le difficoltà delle donne che, forse, dei figli li vorrebbero pur fare, ma si trovano a confrontarsi con condizioni sempre più ostili alla maternità.

Niente di tutto ciò, tuttavia, sembra motivare la campagna per il #FertilityDay lanciata dal Ministero della Salute – Proteggi la tua fertilità: Per te. Per noi. Per tutti – che ha scelto, per stimolare le donne ad avere figli, l’approccio meno innovativo, e certamente meno femminista, che si potesse immaginare. Con risultati, a mio parere, persino controproducenti. Continua a leggere