Riletture femministe nella Giornata mondiale della poesia

di Cecilia D’Elia

21 marzo. E’ la giornata mondiale della poesia. In questi giorni casalinghi ogni tanto riprendo vecchi libri, rileggo dediche, scopro regali che non ho mai letto.

Oggi sono tornata ad un testo che per lungo tempo è stato sul mio comodino di liceale, comprato quando avevo quattordici anni: La poesia femminista, a cura di Nadia Fusini e Mariella Gramaglia, edizioni Savelli. Ho la ristampa del 1977, ma il dialogo tra le due curatrici è datato luglio-settembre 1974.

Per via di mio zio Vito Riviello la poesia da noi era di casa. Linguaggio familiare, ma mai oggetto di particolari studi da parte mia. Parlo da lettrice, non da esperta.

Qui però c’erano le donne, quelle del movimento. E io già mi sentivo una di loro. Lo so e lo riscopro, perché ho messo una ics vicino ai versi del primo lungo testo – “Quelle del movimento di liberazione della donna – che a mio parere avrebbero potuto etichettare anche me. E’ una lunghissima poesia, liberamente tradotta dalla francese “Les celles du mouvement de libération des femmes”:

le fottute

le fottute male

le fottute bene

le donne da letto

le clitoridee

le vaginali

le frigide

le lente a godere

le bocchinare

il sesso

il sesso debole

le pollastrelle

le cocottes

le ciccione

le culone

le oche

le chiocce

le cavallone

le donne-bambina

le donne-donna

le balie

le pigolanti

le ansimanti

e via così per altre cinque pagine.

Dunque qui c’erano le donne “donne vere, che non hanno più paura, che si ascoltano e si raccontano con coraggio” (Nadia Fusini). E la poesia è un gesto politico. Ci sono testi di Alta, Margaret Atwood, Denis Levertov, Silvia Plath, Adrienne Rich, Anne Sexton, Astra, per citarne alcune.

“Queste voci femministe sono l’espressione di un bisogno nuovo, di far vivere la donna nella sua interezza; e proprio perché il femminismo è un movimento culturale oltre che politico, o semplicemente è un movimento politico in senso integrale, la poesia ne è espressione “naturale” perché fonde il momento esistenziale-affettivo-emozionale, con tutte le sue sfumature e la sua contraddittorietà” (Mariella Gramaglia, corsivo mio)

“In queste poesie c’è soprattutto un discorso: lo smascheramento. Se la poesia della donna è narcisistica per necessità, che altro mondo non le è stato dato che l’interiorità, è anche vero che attraverso questa interiorità la donna ricostruisce un discorso politico: perché l’interiorità della donna è segnata in radice dallo squilibrio e dall’oppressione” (Nadia Fusini)

Smascheramento e ricostruzione di un’identità fuori dai codici noti. La ricerca di autonomia è quello che vive in questi versi. E quella ricerca arriva fino a noi, che abbiamo conquistato il plurale donne e riconosciuto le nostre singolarità. Noi, che nonostante l’emergenza che ci costringe ognuna nella sua abitazione non siamo più separate e disperse nelle case degli uomini. E che ci impegniamo perché per tutte la casa non sia più luogo di costrizione.

 

Del matrimonio

Non chiudermi in un contratto, voglio

il matrimonio, un

incontro –

 

ti ho detto

della luce verde

di Maggio

 

                (un velo di silenzio caduto

                nel parco,

                un tardo

 

                pomeriggio di

                sabato, ombre

                lunghe e aria

 

                fredda, odore

                d’erba nuova.

                di foglie fresche,

 

                fiori che matureranno

                in frutti –

 

                degli uccelli che vi incontrai,

                in sosta prima di riprendere il viaggio

                tre uccelli di diversa specie:

 

                quello col petto azalea e la testa rotonda, scura,

                quello a macchie, allegro, ratto strisciante

                e il più piccolo, dorata ginestra, sul volto

                una mascherina nera

 

                insieme a loro tre dolci femmine

                dalle piume tenere, marrone intenso –

                mi fermai

 

                mezz’ora incantata,

                nessuno passò

                gli uccelli mi videro

 

                e lasciarono che stessi

                con loro)

Non è

irrilevante:

vorrei essere

incontrata

 

e incontrarti

così,

in uno spazio

 

verde e arioso, non

chiusa in gabbia.

 

(Denise Levertov, 1962)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...