Sembra un fake ma non è: il Fertility Day in salsa razzista

di Giorgia Serughetti

Sembra un esercizio di provocazione, eppure probabilmente non lo è. Sembrava un fake eppure è tutto vero. Dopo il ritiro della sconcertante campagna sul Fertility Day, è entrata in circolazione una nuova immagine, la copertina di un vademecum sugli “Stili di vita corretti. Per la prevenzione della sterilità e dell’infertilità”, sommario: “Le buone abitudini da promuovere, i cattivi ‘compagni’ da abbandonare”. L’immagine è questa, e parla da sola.

nuovologo2

Ma aggiungiamo la didascalia: le buone abitudini, per il Ministero della Salute, sono bianche, etero, circonfuse di luminosa purezza; i cattivi compagni (veicoli di droghe, alcol e altri vizi, ovvero i pericoli per la fertilità) sono loschi, hanno la pelle nera, i capelli lunghi e afro.

Può darsi che la ministra Lorenzin sopravviva anche a questo “incidente”. Come ha giustamente notato Eva Cantarella, in un’intervista a Left, in merito al Fertility Day, “Beatrice Lorenzin ha potuto dire cose altamente offensive, considerando le donne come fattrici, per altro senza neanche considerare che ci possono essere impedimenti concreti, come è stato notato. Ma ciò che mi sembra davvero grave è che nella sua concezione la donna che non ha figli, non esiste, non conta. Come donna sei lì solo per procreare. In un Paese civile si sarebbe dovuta dimettere”.

Ma solo in un paese con una sensibilità pubblica ancora del tutto primordiale rispetto ai diritti e alle discriminazioni un’immagine come questa sugli “Stili di vita corretti” può essere messa in circolazione senza che il suo sostrato razzista (e classista) faccia scattare un campanello di allarme. Senza che nessuno, nella macchina ministeriale, pensi a fare filtro, e a imporre uno stop.

Buone abitudini bianche, cattive abitudini nere? Per una reporter d’oltreoceano come Megan Williams, fin dal minuto zero in cui l’immagine è comparsa, non c’è molto da discutere: si tratta di razzismo.

More offence fr #Italy #fertility campaign: pamphlet cover shows ‘good habits’ as white people, ‘bad habits’ as black people. #racism pic.twitter.com/57OiZD6aSx

P.s. Per fortuna che domani, a Roma e in tante città, si manifesta per il #FertilityFake!

Annunci

2 pensieri su “Sembra un fake ma non è: il Fertility Day in salsa razzista

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...