Matrimoni egualitari: quando in Italia? Il problema non è la Chiesa, è la politica

Ireland-gay-marriage-PADunque, ricapitoliamo. La cattolicissima Spagna ha reso legali i matrimoni tra persone dello stesso sesso nel 2005. La Francia, il paese da cui abbiamo importato le “sentinelle in piedi”, le ha autorizzate nel 2013. Oggi nella cattolica Irlanda le “nozze gay” passano con una valanga di sì in un sentitissimo e partecipatissimo referendum popolare, promosso da una campagna capace si cambiare la narrazione sulle nuove famiglie, come mostra questo video.

In Italia, invece, il ddl sulle unioni civili (sulle unioni civili, non sul matrimonio tra persone dello stesso sesso), dopo essere stato approvato in Senato, è fermo alla Camera, annegato in un mare di oltre 4000 emendamenti.

Siamo sicuri/e che il problema sia la Chiesa cattolica? Intendiamoci, nessun altro paese ha il Vaticano in casa propria, e livelli simili di ingerenza della gerarchia ecclesiastica nella politica interna. Ma il punto è la politica, non la Chiesa. Chiara Saraceno ha detto alcuni giorni fa in un’intervista: “in Italia c’è stato una sorta di patto di Yalta. Del lavoro si occupa la Sinistra, della famiglia si occupa la Chiesa, la Democrazia Cristiana. A lungo si è andati avanti su questo compromesso. Pensi a quanto tempo abbiamo impiegato per introdurre il divorzio nel nostro paese o legalizzare la contraccezione, cose tutto sommato meno radicali concettualmente rispetto alla tradizione che non il matrimonio o la genitorialità omosessuale”.

Di questo “patto” sono venuti meno persino i contraenti, eppure passa di mano in mano, di nuovo partito in nuovo partito. Ben vengano aperture della Chiesa in fatto di omosessualità – che ci sono state, timide, da parte di Francesco, ma anche da parte di vescovi e conferenze episcopali – ma non possiamo né dobbiamo aspettare che arrivi da lì l’ultima spinta per condurre in porto questa battaglia di civiltà. Non è arrivato il tempo di costringere la politica a fare i conti con le proprie responsabilità? 

Annunci

Un pensiero su “Matrimoni egualitari: quando in Italia? Il problema non è la Chiesa, è la politica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...